Pianificazione e controllo finanziario in officina in tempo di crisi

Pianificazione e controllo finanziario in officina in tempo di crisi 1

Il tuo sogno è imparare a riparare Auto?
Diventa un Meccanico del settore e lavora con le Auto
Partecipa al Corso RaceLeader auto edition: il corso in lingua italiana dove imparerai tutti i segreti per lavorare sulle auto.

solo per oggi a 67 euro invece di 297 Ogni impresa deve avere una pianificazione e un controllo finanziario che tengano conto di innumerevoli variabili, come i rischi causati da una crisi economica. Questa proiezione indicherà i mezzi che porteranno alla crescita del business ea quale velocità, nonché il modo in cui resisterà a scenari sfavorevoli.

La performance che il tuo workshop ha presentato finora serve da termometro per ciò che verrà nei prossimi mesi. Razionalizzare questi numeri attraverso un’analisi che predice i guadagni e le spese dell’azienda renderà la vita dell’imprenditore molto più semplice. In questo modo, avrà un maggiore controllo sulla direzione della sua attività.

Vuoi saperne di più sulla pianificazione e il controllo finanziario per le carrozzerie? Abbiamo selezionato i temi principali per evidenziarne l’importanza e il modo per farlo. Guardare!

Perché la pianificazione è importante?

Forse non fai ancora pianificazione finanziaria nel tuo negozio, ma probabilmente lo fai in relazione ai servizi forniti. A seconda del modello di veicolo del tuo cliente, della facilità con cui reperire le parti e del tipo di riparazione che verrà eseguita, saprai quanto verrà addebitato . Inoltre, puoi prevedere quando sarà possibile consegnare il veicolo al cliente.

Il tempo che sarà dedicato alla riparazione di questo veicolo, a scapito di altri che sono anche nella tua officina, così come gli strumenti e le parti sopra menzionate che faranno parte della riparazione, fanno anche parte della tua pianificazione. Questo è ciò che dà fluidità ai servizi forniti dalla tua officina e la rende redditizia, una pianificazione regolare che fa già parte della tua routine aziendale.

Lo stesso deve essere fatto per quanto riguarda le finanze, compresa la pianificazione quotidiana. Pertanto, la salute finanziaria e il flusso di cassa saranno in grado di offrire le condizioni affinché l’impresa possa continuare ad operare su base perenne e con minore vulnerabilità in relazione ai rischi aziendali, come le crisi economiche.

Come sviluppare la pianificazione finanziaria?

Il primo passo nella pianificazione finanziaria di un workshop è conoscere la situazione in cui si trova. Questa analisi attuale e realistica sarà la base principale per la tua pianificazione finanziaria, che di solito coprirà i prossimi 12 mesi.

Questa analisi dovrebbe considerare le sfide imposte, come le questioni relative alla concorrenza e lo spazio fisico e le strutture del laboratorio. Anche le opportunità e le buone caratteristiche dovrebbero essere nell’analisi iniziale, come il livello di soddisfazione fornito ai clienti , se i prezzi sono competitivi e i dipendenti esperti e qualificati.

Vanno inoltre considerati i fattori che incidono sull’efficienza del servizio fornito. Tra questi ci sono la qualità delle parti e delle altre attrezzature utilizzate quotidianamente e l’efficienza dei fornitori. Insieme a questo, deve essere redatto il bilancio dell’officina.

Quando conosci la situazione finanziaria attuale, avrai le informazioni necessarie per fare la pianificazione finanziaria del workshop, poiché sono gli importi da ricevere e pagare che saranno inclusi nelle priorità generate dalla pianificazione. Recuperare crediti e uscire dal default sono passaggi fondamentali per raggiungere un business finanziariamente sano.

La tua analisi dovrebbe mostrare anche la cronologia delle entrate e delle spese, per sapere se ciò che si guadagna è maggiore di ciò che viene speso per la manutenzione dell’officina. Metti tutto su carta, come la spesa per le spese fisse e variabili e la fatturazione mensile media della tua azienda.

Attraverso questa equazione saprai dire quanto dovrai guadagnare nei mesi successivi e potrai disegnare obiettivi e strategie per realizzarlo, come la ricerca di nuovi clienti. Se la situazione finanziaria lo consente, investire nel marketing può anche essere un modo per aumentare le entrate.

Come esercitare il controllo finanziario?

Non ha senso avere un piano in atto se non è accompagnato da uno stretto controllo sulle finanze della tua attività. Con la pianificazione si ottengono informazioni fondamentali, come la valutazione dei costi fissi, che sono quelli che devono essere pagati indipendentemente da quanto sarà la fatturazione in un determinato mese.

Il controllo necessario per potersi permettere tali importi, così come altre spese variabili, passa attraverso i suggerimenti che verranno elencati di seguito.

Non mischiare le finanze personali con le finanze dell’officina

Questo è un errore che di solito si fa nelle più diverse tipologie di attività, e con le officine non è diverso. Per evitare ciò, chi ha il controllo sulle finanze deve creare modi per distinguere pienamente tra i valori che compongono il proprio budget personale e quelli che sono destinati a mantenere il business.

Questo può essere fatto attraverso la stipula di uno stipendio mensile e, se l’officina è in un buon momento finanziario, con una piccola quota degli utili aziendali. È necessario esercitare moderazione, in modo che indirettamente non si produca la miscela che si intende evitare.

registra tutto

Il controllo comporta la registrazione di tutte le transazioni finanziarie nell’attività, come l’acquisto e la manutenzione degli strumenti , i pagamenti delle spese fisse e variabili, nonché la ricevuta per i servizi resi. Nulla va trascurato, in quanto la mancata registrazione, se diventa una routine, può comportare lo sbilanciamento dei conti.

Se la tua officina lavora con più nicchie (per esempio offre servizi di carrozzeria, verniciatura e meccanica), ti consigliamo di separare le spese e le fatturazioni per ogni tipo di attività. Questo aiuterà a mostrare quali sono le aree più redditizie e ad identificare eventuali aree in perdita.

tagliare le spese

Alcuni risparmi possono essere realizzati senza pregiudizio per il servizio fornito. Un esempio potrebbe essere quello di cambiare le lampade con tipi più economici, come i LED. Anche non lasciare l’apparecchiatura in stand-by e anche scollegarla quando non in uso aiuta a ridurre i costi. L’utilizzo di rubinetti che consumano meno acqua, la stampa fronte/retro e la ricerca di nuovi fornitori sono altre misure che possono aiutare a controllare le spese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.